Cerca
  • Salvatore Mafrici

AUGURI (SCOMODI) DI BUON LAVORO!


Al Sindaco del Comune di Condofuri

Ai Consiglieri Comunali di Maggioranza

Ai Consiglieri Comunali di Minoranza


All’indomani delle elezioni comunali che ci hanno consegnato come responso la vittoria della lista “Rilanciamo Condofuri”, con capolista Tommaso Iaria, ad oggi quindi neoeletto Sindaco di Condofuri, corre l’obbligo rivolgere a lui e a tutti gli eletti all’interno del Consiglio Comunale un sincero

Augurio di Buon Lavoro!


Il nostro, però, non può essere un augurio da semplici cittadini che guardano e guarderanno all’operato del neoeletto Sindaco e della sua Maggioranza consiliare in attesa delle risposte alle esigenze che, volta per volta, rappresenteranno. Da parte di questo Gruppo “Impegno per Condofuri” e da parte del sottoscritto Sindaco uscente, dopo quasi sei anni di esperienza alla guida dell’Ente, l’Augurio di buon lavoro non può che essere accompagnato da alcune necessarie RACCOMANDAZIONI rispetto a tutto ciò che è rimasto di molto importante da portare avanti e realizzare, al fine di completare il processo da noi avviato in questi ultimi anni (e lo rivendichiamo a testa alta e ”schiena dritta”, senza timore di smentita!) di vero e serio rilancio del Paese…ecco perché gli Auguri diventano Auguri “SCOMODI”!

Innanzitutto alcune CONSIDERAZIONI:

1. Partiamo dalla campagna elettorale ormai conclusa. Dopo l’uscita di scena del Gruppo “Impegno per Condofuri”, i due candidati a Sindaco, con i rispettivi gruppi, si sono ritrovati costretti a modificare totalmente la strategia politica. Niente più attacchi al Sindaco Mafrici, niente più attacchi all’Amministrazione uscente…ed ora che si fa??? Abbiamo assistito ad una campagna elettorale decisamente “sotto tono” rispetto a quella che ci ha visto protagonisti nel 2012. “Sotto tono” non solo riguardo ai “toni” (e questo è un merito), ma anche riguardo ai “contenuti” e, soprattutto, nel confronto democratico. Ciò è stato determinato sia dal minore numero di liste e candidati in questo caso presenti sul territorio, ma soprattutto dall’assoluta assenza di qualsivoglia soggetto politico e/o associativo, di qualsiasi spazio organizzato, capace di “sollecitare” i candidati. Nessuno ha ritenuto di farsi avanti (come successo nel 2012 peraltro in maniera molto costruttiva per i cittadini!) e richiedere un confronto tra i candidati o tra i candidati e la cittadinanza sui temi d’interesse locale…niente di niente!!! Silenzio assoluto! Silenzio che per il nostro Gruppo non può che rappresentare un grave passo indietro per tutti. Non possiamo non ricordare con soddisfazione i confronti pubblici organizzati al Centro Giovanile “P. Valerio Rempicci” e nella piazza di Condofuri Marina, durante la precedente campagna elettorale, a cui abbiamo partecipato molto volentieri, così come i candidati delle altre liste in competizione, con la voglia di rendere partecipi i cittadini di Condofuri dei programmi, delle idee, dei sogni sul Paese! Momenti di confronto democratico che, a nostro avviso, sono stati preziosi per i candidati, per i cittadini e per il Paese!


2. Finita la campagna elettorale, c’è un vincitore proclamato Sindaco del nostro Comune ed è Tommaso Iaria, con otto Consiglieri Comunali di Maggioranza eletti e c’è Domenico Paino, con tre Consiglieri Comunali eletti, che formeranno il Gruppo di Minoranza “Insieme si può per Condofuri”.

La considerazione politica in merito, che ci apprestiamo a fare e per la quale “Impegno per Condofuri” lavorerà fin da subito, consiste nel compiere da oggi in poi tutti insieme lo sforzo di abbandonare i toni, le espressioni ed ogni iniziativa appunto da campagna elettorale (che oramai è finita!), assolutamente inutile per il nostro Comune che ha tanti problemi da risolvere e tante opportunità da cogliere, e mettersi subito ad operare (ovviamente ciascuno per il ruolo che ha e con le responsabilità cui è stato chiamato ad assumere) nell’interesse esclusivo del nostro Paese. E non è scontato né così naturale da parte nostra affermarlo, se si pensa che durante il nostro mandato, invece, siamo stati continuamente e costantemente, senza sosta e senza possibilità di appello, sia dentro il Consiglio Comunale che fuori di esso, tirati dentro un eterno clima da campagna elettorale, avvelenato dai toni e dai volantini “colorati” di chi oggi è stato eletto per guidare il Comune di Condofuri…una battaglia continua, basata su false ricostruzioni della realtà, sulla diffusione di notizie errate, su finte guerre di quartiere, su denunce di ogni natura, che hanno determinato solo e soltanto un clima di malumori, di malessere, di tensioni! NOI, però, SIAMO DIVERSI! Da parte NOSTRA, da oggi, massimo rispetto per chi riveste la carica di Sindaco! Rispettare le Istituzioni del Paese, per NOI, vuol dire rispettare il Paese!


3. Terza ed ultima considerazione (per poi passare alle raccomandazioni): come sopra già detto, per Condofuri c’è subito bisogno di mettersi all’opera e, soprattutto, di NON fare passi indietro rispetto ai tanti fatti in avanti (e di seguito menzioneremo i più importanti) in questi cinque anni. A questo punto, risulta necessario chiarire quale sarà il ruolo e quali le responsabilità che vorrà assumere il gruppo “Impegno per Condofuri”, oggi “Associazione - Laboratorio Civico” in fase di costituzione. Non saranno, quindi, né il ruolo e le responsabilità proprie di chi siede tra i banchi di Maggioranza in Consiglio Comunale, né il ruolo e le responsabilità di chi siede tra quelli di Minoranza. Il Gruppo si propone, appunto, di lavorare FUORI dalle Istituzioni, ma PER le Istituzioni, tra la gente, per portare avanti il progetto di cambiamento vero, serio e responsabile avviato, negli anni del nostro mandato amministrativo, all’interno dell’Ente, per riuscire a portare a compimento (e noi ci crediamo) il processo di NORMALITA’ del nostro Comune, intrapreso con grande fatica e sacrificio. Se c’è un errore politico commesso in questi anni, la cui responsabilità va attribuita in primis al sottoscritto e poi anche a Noi di “Impegno per Condofuri – Gruppo Consiliare”, è quello di non essere riusciti ad accompagnare i nostri cittadini in tale percorso di cambiamento verso un Paese normale, non essere riusciti a fare sentire i concittadini parte sostanziale di un Progetto politico così ambizioso, alto e nobile. D’altronde, i primi passi di un processo di cambiamento così radicale sono senz’altro quelli più complicati da compiere…richiedono lavoro duro, silenzioso, senza interferenze! Il rischio è senz’altro quello di rimetterci in termini di rapporti personali, ma a vantaggio del benessere collettivo che, per chi amministra, DEVE essere l’unico obiettivo possibile! Un processo lento e faticoso i cui frutti (ne eravamo consapevoli!) si potranno vedere SOLO con il tempo! Nulla, però, andrà perduto se saremo in grado, da qui in avanti, di svolgere appieno il ruolo che ci spetta tra i nostri concittadini, tra la gente di Condofuri tutta (dall’interno alla Marina), per valorizzare e trasmettere loro il patrimonio di valori e di relazioni umane, oltre che lavorative, di esperienze e di conoscenze, di idee e di progetti, da Noi intrapresi e portati avanti durante questi anni di appassionato impegno politico ed amministrativo. Non possiamo permetterci di “spezzare il filo” che, con determinazione, abbiamo tessuto in questi anni “dall’interno” dell’Ente comunale verso l’esterno; oggi è arrivato il tempo di riprendere a tessere quel filo “dall’esterno”, senza alcun incarico amministrativo, ma soprattutto stavolta facendolo passare anche tra le mani dei nostri concittadini!


Ed eccoci alle RACCOMANDAZIONI, che rivolgiamo, come sopra già evidenziato, nell’interesse esclusivo del Paese e con il massimo rispetto del ruolo di chi oggi ha la responsabilità di amministrare il Paese e potrà, quindi, liberamente decidere di prestare alle stesse più o meno attenzione:

1. FINANZIAMENTI: Lasciamo una consistente mole di FINANZIAMENTI per la realizzazione di opere pubbliche di importanza strategica per lo sviluppo SOCIO-ECONOMICO del nostro Paese. In questa sede, ne riusciamo a menzionare solo alcuni: a) basti pensare in ultimo alla notizia dell’ammissione al finanziamento per il progetto già definitivo, presentato alla Regione Calabria, di demolizione della Scuola “Bachelet” e ricostruzione di una nuova “Cittadella Scolastica” ovvero due plessi interconnessi all’interno della stessa area che ospiteranno sia le classi della Scuola Secondaria di II Grado (le Scuole Medie di una volta), ma anche quelle della Scuola secondaria di I grado (le Scuole Elementari di una volta); b) molto importanti anche le risorse inserite nel Patto per la Città Metropolitana per la nostra Fiumara di Amendolea, che si vanno ad aggiungere anche a quelle per il Contratto di Fiume dell’Area Grecanica messe a disposizione già da tempo dall’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte; c) ed ancora quelle per la via Peripoli sempre all’interno del Patto per la Città Metropolitana; d) quelle per la strada di collegamento Mangani-Gallcianò, inserite all’interno del Piano regionale di mitigazione del rischio idrogeologico; e) quelle inserite all’interno del Piano sempre regionale per la depurazione e la fognatura comunale su progetti già presentati dalla nostra Amministrazione; f) infine (ma solo per ciò che concerne quelle più consistenti e non mi pare sia poco!!!), quelle per l’intervento di completamento del “Museo Archeologico della Vallata dell’Amendolea”, inserite all’interno del Piano di sviluppo per le Periferie della Città Metropolitana;

il tutto per un totale di circa 10.000.000 (dieci milioni di euro) di finanziamenti !!!

2. Riguardo al Settore dei Lavori Pubblici, vanno menzionate le opere i cui lavori sono già in fase di completamento, tra questi: a) la ristrutturazione dell’ex Salone dell’Artigianato, che diventerà il nostro nuovo “Auditorium Comunale”; b) la ri-funzionalizzazione del bene confiscato alla criminalità organizzata in Via Telesio a Condofuri Marina, che diventerà un “Ostello della Gioventù”; c) il primo intervento per adibire l’ex Scuola in Amendolea a “Museo Archeologico della Vallata dell’Amendolea”, con un finanziamento di 70.000,00 Euro concesso dall’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte al Comune a tal fine.

Ancora qui vanno elencati altri interventi importanti già finanziati e di cui sono in corso le fasi di progettazione (“Adeguamento sismico della Scuola di San Carlo”, la messa in sicurezza della “Torre Ferraina del Castello di Amendolea”, la strada interpoderale “Brigha – Armaconi” ed un tratto di Lungomare ad impatto zero – c.d. “Parco a mare”) e/o vanno attivate le procedure amministrative finalizzate all’acquisto dei “Farmer’s Market” (casette in legno per i Mercatini contadini) e di un “proschinitario in legno” per la Chiesa ortodossa in Gallicianò. Discorso a parte merita anche l’ormai famoso intervento di restauro della “Chiesa di San Giovanni Battista” in Gallicianò, le cui procedure d’ufficio sono tutte ormai completate per trasferire le risorse ed il progetto al nuovo soggetto beneficiario ovvero al Segretariato Generale dei Beni Culturali, che potrà così avviare tutto quanto necessario per realizzare finalmente questo intervento di assoluto pregio artistico e di grande valenza culturale all’interno del nostro meraviglioso Borgo grecofono.

Come non menzionare, a questo punto, l’Opera pubblica decisiva per dare significativo impulso allo sviluppo del nostro Comune e di tutta la nostra Area Grecanica: il nuovo “Edificio Scolastico Alberghiero”. La posa della prima pietra è toccata a Noi e in politica non avviene mai nulla per caso! Mai abbassare la guardia sui lavori per la realizzazione di questa scuola! Noi (da Amministratori) non lo abbiamo mai fatto seppur tra mille difficoltà! Bisogna continuare a tenere alta l’attenzione su quest’opera, fatta diventare - sempre da Noi - di interesse nazionale, in quanto inserita anch’essa nel “Patto tra il Governo Nazionale e la Città Metropolitana di Reggio Calabria” tra le opere da accelerare.

L’eredità davvero molto pesante, che orgogliosamente lasciamo a chi viene dopo di Noi e sulla quale anche da fuori vigileremo, è quella di avere sempre e comunque voluto perseguire il Bene Comune, l’Interesse Pubblico sopra tutti e tutto, senza fare sconti a nessuno; dalle linee guida del documento preliminare al PSA al Piano Spiaggia, all’avvio del riordino delle concessioni cimiteriali, ai suoli del ’51, alla gestione del contenzioso dell’Ente, alle pratiche di condono edilizio, all’iter per le demolizioni degli abusivismi specie sul demanio marittimo, ai servizi sociali e scolastici, all’iter per l’assegnazione delle Case Popolari, alla contrattualizzazione degli LPU utilizzati da decenni ormai presso l’Ente, all’utilizzo di altri cinque LPU del luogo per fare fronte a nuove esigenze sempre dell’Ente, all’utilizzo dei lavoratori percettori di mobilità in deroga, ai tanti tirocini formativi attivati presso l’Ente con giovani studenti di Scuola Superiore ed Universitari del luogo di cui alcuni proprio si sono distinti per la voglia di fare esperienza sul campo della P.A., al primo progetto di Servizio Civile finanziato al Comune di Condofuri con sei Volontari selezionati che fino a gennaio prossimo saranno impegnati a svolgere le attività previste da progetto (senza doversi inventare nulla!), a tutte le occasioni create e gli strumenti adottati per favorire ed incentivare una sana e responsabile partecipazione democratica (iniziative pubbliche con le Associazioni attive sul territorio, Consigli Comunali aperti agli interventi del pubblico ed itineranti, Consiglio Comunale dei Ragazzi, Consulte, Commissioni Consiliari aperte all’esterno, Regolamento ed Accordi di collaborazione sui “Beni Comuni”), alle innumerevoli iniziative culturali promosse ed organizzate anche insieme alle Associazioni attive sul territorio (su tutte quella per il conferimento della Cittadinanza Onoraria al fisico di fama internazionale Prof. Carlo Rovelli), a quant’altro quotidianamente è stato affrontato sempre badando a tenere al centro dell’azione politica ed amministrativa l’interesse della collettività e solo in secondo ordine, se legittimo e lecito, quello del singolo individuo.

Merita un cenno particolare poi il lavoro svolto per l’avvio del servizio di raccolta dei rifiuti con il sistema della differenziata “porta a porta”. Su questa strada occorre continuare tenendo conto che la nostra Amministrazione lascia alla nuova tutto pronto per un sistema da implementare che permetterà di garantire ai cittadini maggiori servizi (giustamente tanto richiesti in questi anni che, alla fine, siamo riusciti ad inserire nel nuovo capitolato!) e per poter raggiungere il 65% di raccolta differenziata nei prossimi due anni (questo l’obiettivo assolutamente possibile che Noi ci eravamo prefissati e sul quale continueremo a stimolare ora la nuova Amministrazione e i cittadini). Molto importante è stato anche tutto il progetto per l’analisi della rete idrica ed il suo efficientamento, che va anch’esso portato avanti per poter finalmente giungere a dei risparmi notevoli nel settore idrico, ad oggi ancora troppo oneroso e dispendioso per l’Ente (questa la giusta strada da perseguire e non le “chimere solo elettorali” di uscita immediata dalla Sorical). Molto importante anche il passo avanti compiuto nella gestione del servizio dell’Illuminazione Pubblica: non solo la manutenzione ordinaria più immediata tra cittadino/utente e soggetto gestore dell’impianto attraverso numero verde e altre forme innovative, ma già sono stati anche avviati gli interventi di sostituzione delle vecchie lampade con nuovi corpi illuminanti a LED e sono previsti, con progetto esecutivo presentato anche alla Regione Calabria per ottenere i finanziamenti del caso, gli interventi per l’illuminazione di importanti vie/strade urbane ancora attualmente non illuminate.

Altro cenno particolare al Progetto Sprar che, al di là delle tante difficoltà di tipo socio-organizzativo, ci ha regalato profonde soddisfazioni in termini di rapporti umani, di arricchimento non solo individuale, ma collettivo. Ringrazio tutti i cittadini e gli operatori che, accanto a noi, in questi anni, hanno combattuto per portarlo avanti nel migliore dei modi e mi auguro che tale esperienza possa proseguire positivamente anche in futuro.

E’ d’obbligo, a questo punto, anche un cenno alle Casse dell’Ente: sono state curate e gestite con la diligenza del buon padre di famiglia, facendo sempre quadrare i conti nel rispetto della Legge e con i poteri che questa mette a disposizione degli Amministratori. E’ evidente che, a fronte delle uscite fisse e molto consistenti per l’erogazione dei servizi essenziali (vedi acqua, luce, depurazione e fognatura, spazzatura), purtroppo, sempre più esigue risultano le entrate e ciò a causa di diversi fattori: innanzitutto per i continui tagli ai trasferimenti dello Stato centrale che costringe gli Amministratori locali ad accollarsi responsabilità ed oneri sempre più gravosi a danno dei cittadini. A ciò si aggiunga però anche l’evasione nel pagamento dei tributi da parte dei cittadini in difficoltà economiche, oltre a chi evade per furbizia o per “forma mentis”. Atteggiamenti, questi ultimi, che ovviamente vanno combattuti senza se e senza ma, perché tanto alla fine chi “paga” è sempre il Cittadino onesto ed il territorio tutto.

La situazione trovata all’interno dell’Ente, al nostro ingresso, era tutt’altro che felice! Tante sono state le difficoltà soprattutto iniziali e, in maniera chiara e trasparente, non abbiamo problemi ad ammettere che sono serviti questi anni per gettare le basi necessarie ad avviare dei “normali” processi di attività politico-amministrativa, ma non sono di certo stati sufficienti. I passi avanti compiuti, in termini organizzativi, anche all’interno dell’Ente, sono stati enormi, considerando il punto di partenza, ma

Sia chiaro che ancora c’è tanto da fare e bisogna lavorare sodo!

Condofuri ha riconquistato, negli ultimi anni, la centralità che aveva perso durante il biennio commissariale e che, forse, non aveva mai avuto nella storia politica recente della nostra Provincia!

Non lo diciamo NOI (che simo di parte), ma lo dicono i FATTI!

In questi anni, Condofuri è stato presente:

- all’interno del Consiglio Metropolitano;

- alla guida dell’Associazione dei Sindaci dell’Area Grecanica;

- capofila del più importante processo di partecipazione e di sviluppo dal basso quale è il Contratto di Fiume;

- non più Comune sciolto per mafia, ma aderente alla più importante Rete Nazionale di Enti locali per la formazione civica contro le mafie e la corruzione all’interno della P.A., ovvero “Avviso Pubblico”, della quale il sottoscritto è stato anche onorato di rivestire la carica di Vicepresidente Nazionale;

- all’interno del Consiglio delle Autonomie Locali (CAL) – organismo consultivo rappresentativo dei Sindaci nel Consiglio Regionale della Calabria;

- di nuovo all’interno dell’ANCI con ruolo attivo e propositivo;

- in tutti i processi per mafia con la costituzione di parte civile come Ente, con somme importanti riconosciute a titolo di risarcimento danni;

In questi anni, Condofuri ha avuto un Gruppo di Maggioranza che ha dato stabilità di governo al Paese senza mai alcuna fibrillazione interna o esterna per le “poltrone”, ma solo di volta in volta una sana e costruttiva dialettica interna per giungere in maniera condivisa alle decisioni importanti sempre nell’interesse dell’Ente!!!

In questi anni, Condofuri ha finalmente recuperato una DIGNITA’ propria ed ha avuto a tutti i livelli i riconoscimenti positivi che merita…non disperdiamo tale “TESORETTO” !!!

Per tutto quanto sopra ed altro ancora, “Impegno per Condofuri”, non più Gruppo di Maggioranza in Consiglio Comunale, ma “Associazione – Laboratorio Civico” indirizza, quindi, al neoeletto Sindaco Tommaso Iaria ed al suo Gruppo di Maggioranza “Rilanciamo Condofuri” questo Augurio “scomodo” di buon lavoro, informandolo al contempo che sarà sempre presente al fianco dei cittadini,

caratterizzando la propria azione socio - politica sul SENTIMENTO E MAI SUI RISENTIMENTI!

#AmoCondofuri perché…

la legalità è un sentimento di questa terra !

la sua bellezza è quella dell’Amendolea e dei suoi territori interni

è una Comunità inclusiva ed accogliente

paesaggio e patrimonio urbano sono i nostri Beni Comuni da valorizzare e promuovere

è una terra di grandi lavoratori da proteggere e tutelare

abbiamo costruito politiche sane per tutti !!!

Salvatore Mafrici - “Impegno per Condofuri”

32 visualizzazioni

AmoCondofuri®  è  piattaforma civica e sociale cloud-based, nata su iniziativa del Laboratorio Civico Impegno per Condofuri e realizzata da PMopenlab srls.

Iscriversi alla newsletter permette di rimanere aggiornati sulle azioni messe in campo dall'amministrazione comunale o sulle iniziative promosse dalla cittadinanza attiva.

  • Facebook Basic Black
  • Facebook Basic Black

© 2018 AmoCondofuri by PMopenlab srls