Cerca
  • Salvatore Mafrici

“Quando l'uso di uno strumento istituzionale diventa mezzo per l’attacco politico denigratorio”

Dopo quasi due mesi dall'insediamento in Consiglio Comunale della nuova Amministrazione, la linea politica del neo Sindaco, Tommaso Iaria, è ormai chiara: portare avanti una campagna denigratoria nei confronti della precedente Amministrazione comunale, dal sottoscritto guidata, soprattutto per ciò che concerne la situazione economico-finanziaria dell’Ente.

In ugual modo, chiaro è l'obiettivo: accollare alla precedente amministrazione gli insuccessi (quasi certi) della nuova amministrazione!!! D'altronde, che si tratti di una tattica politica è evidente: la situazione economico-finanziaria dell'Ente (che non è mai stata e nessuno ha mai descritto come florida, anzi...) era ben nota al Consigliere di Minoranza, oggi Sindaco, Tommaso Iaria, che ben conosceva i conti del Comune e le sue difficoltà !!!

Per raggiungere il suo obiettivo politico, il Sindaco giunge addirittura ad utilizzare uno strumento istituzionale, ovvero il sito del Comune www.comune.condofuri.rc.it., a scopo politico!

Dando un'occhiata al suddetto sito web, da quando ormai il Sindaco Iaria è stato proclamato vincitore delle ultime elezioni comunali, c'è da rimanere sconcertati!!!

La homepage del sito del nostro Comune è piena zeppa di avvisi di pagamento indirizzati all'Ente, vertenze tra Ente e Società di comunicazioni, avvisi di sospensione di servizio, ecc. Tutte notizie che nulla hanno a che vedere con la “pubblica utilità”, che nessun interesse hanno per il privato cittadino! Dietro queste notizie, tutte sottolineate in grassetto e poste all'evidenza del visitatore del sito, vi è un unico interesse: l'interesse politico del Sindaco Iaria che, in tal modo, vuole denigrare l'azione amministrativa di chi lo ha preceduto a proprio vantaggio politico!!!

Da notare, peraltro, che in mezzo a tutte le suddette “informazioni” inserite così in evidenza, con un carattere addirittura sottolineato ed in maiuscolo, si perdono, invece, quelle di vero interesse pubblico (vedi, sempre nell'homepage, l’Avviso alle Associazioni o quello per i ticket sociali sull’infanzia). Invece, altre notizie, davvero molto importanti da portare a conoscenza della cittadinanza nella maniera più diretta ed accessibile (vedi “Avviso sulla disinfestazione del territorio comunale” o “Ordinanza sindacale di regolamentazione degli orari per la fornitura idrica”) non godono dello stesso trattamento di cui sopra, tanto da venire inserite “solamente” nella sezione apposita del sito web “Albo pretorio”, ma non nella homepage che è già troppo occupata da altro!

Qualcuno potrebbe giustamente obiettare alle mie considerazioni sostenendo magari che il Sindaco Iaria, in tal modo, intenda informare i cittadini della situazione economica dell'Ente, intenda fornire alla cittadinanza notizie circa le vicende dell'Ente. Purtroppo, così non è … purtroppo nessun interesse pubblico vi è dietro questo uso illegittimo, scorretto ed inopportuno della cosa pubblica da parte del Sindaco Iaria!

Questi i motivi:

1. Il sito istituzionale della Pubblica Amministrazione non è proprietà privata ma appartiene all'Ente pubblico e, come tale, deve essere utilizzato per scopi di interesse pubblico. Questo è quello che prescrive la Legge. In particolare, faccio riferimento alle “Linee Guida sulla pubblicità legale dei documenti e sulla conservazione dei siti web delle P.A.”, emanate, nel mese di maggio 2016, dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, che indicano nel dettaglio COSA la Pubblica Amministrazione può pubblicare sul sito istituzionale e con quali modalità. Si tratta chiaramente di documenti di pubblica utilità: deliberazioni, ordinanze, avvisi, gare, concorsi, avvisi di deposito alla casa comunale di atti finanziari e delle cartelle esattoriali destinate ai residenti, provvedimenti tipo piani urbanistici, del commercio, del traffico, bandi di gara e bandi dei pubblici concorsi, lo statuto dell'Ente, deliberazioni dirigenziali, comunali e provinciali. Il Sindaco Iaria utilizza, invece, il sito web a puro scopo politico, con l'unico obiettivo di denigrare chi lo ha preceduto! Ciò in palese violazione di ogni dettame normativo vigente in materia. Di ciò sarà purtroppo necessario informare gli Organi preposti e le Autorità competenti.

2. Entrando nel merito delle “notizie” riportate nella homepage del sito del nostro Comune, ancor più scorretto deve ritenersi l'uso che di essa viene fatto dall'attuale Sindaco. In particolare, attualmente, la homepage contiene le seguenti notizie di cui riporto i titoli più significativi:

- CERTIFICAZIONE DEFICIT;

- PREAVVISO DI SOSPENSIONE/RISOLUZIONE DEL CONTRATTO DI ENERGIA ELETTRICA;

- VERTENZA TELECOM – LINEA TELEFONICA DISATTIVATA IN USCITA;

- DEBITO SORICAL

Tali “notizie” non vengono però riportate in maniera integrale, completa e trasparente, ma al contrario vengono riferite alla cittadinanza strumentalmente in modo parziale, distorto ed incompleto (sotto questo profilo, quindi, in palese violazione delle norme di Legge che stabiliscono come ciò che viene pubblicato debba essere completo perché sia veramente utile ai fini di una corretta informazione del cittadino utente riguardo la notizia pubblicata). Tale comportamento non solo non reca alcuna utilità al cittadino ma anzi arreca un danno ingiusto allo stesso Ente comunale ed a chi lo ha rappresentato nel precedente mandato elettorale, che si ritrova costretto a riservare espressamente ogni opportuna azione presso le competenti sedi giudiziarie nei confronti del Sindaco Iaria e di chiunque contribuisca, in maniera diretta e/o indiretta, a procurare i suddetti danni.

Ecco, quindi, punto per punto, la verità sulle “notizie” riportate nella homepage del sito del nostro Comune:

- CERTIFICAZIONE DEFICIT: tale dicitura è assolutamente fuorviante, in quanto il Comune di Condofuri allo stato non si trova né in situazione di dissesto né di c.d. predissesto (si veda la Relazione di fine mandato); pertanto, non si capisce cosa realmente significhi tale termine, peraltro poco utilizzato nell’ambito dei bilanci degli Enti locali e, soprattutto, a cosa possa servire una tale espressione ivi collocata rispetto sempre alla funzione informativa propria del sito web istituzionale.

- CERTIFICAZIONE ATTESTANTE LA CONDIZIONE DI ENTE STRUTTURALMENTE DEFICITARIO DEL COMUNE DI CONDOFURI: trattasi, in tal caso, di un allegato al rendiconto consuntivo previsto per Legge e che già la precedente Amministrazione aveva badato bene di pubblicare nelle sezioni appositamente indicate sul sito a tal fine (“Amministrazione Trasparente – Bilanci”). Con l’approvazione del rendiconto per la gestione di bilancio anno 2017, avvenuta con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 29.05.2018, inoltre, tale allegato era stato a disposizione di tutti i Consiglieri Comunali (compreso, quindi, l’attuale Sindaco Iaria) ed era stato, quindi, anche oggetto di pubblicazione legale sull’apposito “Albo pretorio” on line, con tutta la documentazione completa in merito e gli altri atti ad esso connessi/allegati (parere del Revisore dei Conti ecc.), appunto come Delibera di Consiglio Comunale. Pertanto, anche in questo caso, la violazione di Legge appare molto chiara, in quanto dolosamente il Sindaco pro tempore estrapola tale allegato dall’intero fascicolo che riguarda il rendiconto consuntivo anno 2017 del Comune di Condofuri per inserirlo nella homepage del sito web istituzionale. Ma vi è di più: il documento reca addirittura una sorta di “nuova certificazione” in calce, a mano dalla Responsabile dell’Area Economico-Finanziaria - Dott.ssa Stefania Sgambellone - (la quale altro non può fare che richiamare la Deliberazione di Consiglio Comunale n. 18 del 29.05.2018, di cui già tale allegato formava parte integrante e sostanziale), e viene ripubblicato con un nuovo protocollo n. 6743 del 25.06.2018. Tutte circostanze “incomprensibili” considerato che il documento era già presente in atti con data antecedente (!!!).

- PREAVVISO DI SOSPENSIONE/RISOLUZIONE DEL CONTRATTO DI ENERGIA ELETTRICA: siamo proprio in aperta contraddizione con le normative in materia di pubblicazione legale, completa ed imparziale di atti e documenti della P.A. e con la stessa funzione che le norme di Legge attribuiscono a tali strumenti di informazione istituzionale! A cosa possa servire tale comunicazione di preavviso da parte di ENEL, ivi inserita, sempre così in evidenza, in grassetto, se non a creare inutili allarmismi tra i cittadini ed a screditare l’immagine stessa dell’Ente e di coloro che lo hanno rappresentato fino a qualche mese addietro ?! Specie poi se il servizio di illuminazione pubblica agli stessi cittadini di Condofuri è sempre stato garantito e non ha subito alcuna interruzione/sospensione di sorta (in tal caso - magari sì - sarebbe stato corretto informare la cittadinanza)! Ma, circostanza ancor più grave, tale comunicazione continua a campeggiare sulla homepage del sito web, nonostante la Determina dirigenziale di pagamento delle fatture Enel in questione, pubblicata nell’Albo pretorio on line!

- VERTENZA TELECOM – LINEA TELEFONICA DISATTIVATA IN USCITA: tale vicenda ritengo sia emblematica della faziosità politica del Sindaco Tommaso Iaria. La notizia viene, come al solito, riportata in evidenza nella homepage del sito web www.comune.condofuri.rc.it e, con un semplice click su tale link, si trova soltanto una nota a firma del legale Telecom, con prot. n. 11042 del 16.10.2017, con la quale lo stesso riscontrava la nota del Comune di Condofuri (prot. n. 1047 del 29.09.2017). Quindi, il Sindaco Iaria decide di NON pubblicare la nota del Comune da lui rappresentato, di NON pubblicare le numerose lettere di contestazione trasmesse dal SUO Comune alla Telecom, di NON pubblicare le denunce fatte dall'Ente alla Società di comunicazione lamentando disservizi e disagi, bensì decide di dare voce ESCLUSIVAMENTE alla controparte! Ma dov'è l'interesse dell'Ente e dei suoi cittadini? Purtroppo, al Sindaco Iaria l'interesse di Condofuri non interessa perchè l'unico suo obiettivo è denigrare l'ex Sindaco Mafrici! In tal modo però chi viene denigrato, offeso e calpestato è il Comune che lui oggi rappresenta!!! Se su tale vertenza si fosse voluto veramente e correttamente fornire i giusti chiarimenti alla cittadinanza, allora questo link informativo sul sito web istituzionale avrebbe dovuto e dovrebbe necessariamente contenere TUTTE le missive di contestazione delle fatture Telecom, le delibere, le determine, la corrispondenza varia, le lettere di denuncia per interruzione di pubblico servizio che il Comune di Condofuri ha indirizzato alle Autorità competenti. Così si sarebbe fornita alla cittadinanza la giusta informazione! Nell'interesse dei cittadini e dell'Ente! Ma, ribadisco, NON è questo l'interesse dell'attuale Sindaco Iaria!!!

- DEBITO SORICAL: anche in tal caso valgono un po' tutti gli argomenti già sopra utilizzati in merito ai punti relativi all’energia elettrica. tTattasi, stavolta, di una nota da parte della società Sorical (fornitrice a livello regionale ed anche per il Comune di Condofuri del servizio idrico) di risposta negativa a quella con cui l’Ente comunale aveva richiesto un aumento di portata idrica in alcuni serbatoi, viste le maggiori esigenze in tal senso durante la stagione estiva. La motivazione addotta dalla Sorical, alla base del diniego comunicato al Comune, è quella di un debito consistente che l’Ente ha nei suoi confronti e, pertanto, con l’occasione sollecitava almeno l’effettuazione di un pagamento pregresso, al fine di poter evadere la richiesta di aumento della fornitura idrica. Tale pagamento, così sollecitato da Sorical, puntualmente veniva effettuato con apposita Determina dirigenziale n. 50 del 09.07.2018; ma ancora in data 23 luglio 2018, “ovviamente”, campeggiava in bella vista il link DEBITO SORICAL sulla homepage del sito web istituzionale!

Alla luce di quanto dedotto, è evidente che il comportamento posto in essere dall’attuale Sindaco Tommaso Iaria non può che ritenersi illegittimo e violativo delle norme di Legge in materia di utilizzo corretto ed imparziale del sito web istituzionale e, quindi, come tale idoneo a ledere ed offendere l’immagine stessa dell’Ente comunale. E se ad offendere l'immagine dell'Ente pubblico è il medesimo soggetto chiamato a rappresentarlo in prima persona, la responsabilità di quest'ultimo non può che ritenersi grave e preoccupante per il Comune ed i suoi cittadini!


Condofuri (RC), 25.07.2018

Avv. Salvatore Mafrici

114 visualizzazioni

AmoCondofuri®  è  piattaforma civica e sociale cloud-based, nata su iniziativa del Laboratorio Civico Impegno per Condofuri e realizzata da PMopenlab srls.

Iscriversi alla newsletter permette di rimanere aggiornati sulle azioni messe in campo dall'amministrazione comunale o sulle iniziative promosse dalla cittadinanza attiva.

  • Facebook Basic Black
  • Facebook Basic Black

© 2018 AmoCondofuri by PMopenlab srls